Il corpo giovane nell'era gerontocratica


Un fotogramma del film Salò o le 120 giornate di Sodoma (P. P. Pasolini, 1975)



(Scroll down for poor english version)

Premettendo che oggi il corpo giovane è inserito in un contesto dove il lavoro non produce quasi più da nessuna parte felicità o benessere, si può affermare che il corpo impedito nell'agire (disoccupazione) come anche quello obbligato ad agire contro la propria volontà (condizioni di lavoro indegne*) è un corpo abusato.

Il corpo del reato
Il mondo è governato da un'oligarchia di persone anziane che storicamente ha sempre abusato
- e intende continuare a farlo - dei corpi giovani. L'abuso del corpo e quello lavorativo procedono di pari passo, intersecandosi in una realtà sempre più confusa.
Il corpo giovane è la merce più pregiata del mondo capitalistico, una vera primizia, ma comprarla direttamente nei negozi o su internet è ancora considerato (quasi ovunque) disdicevole. La strategia per rendere libera la vendita del corpo, è impoverirlo fisicamente (con la mancanza di reddito) e culturalmente (con la mancanza d'istruzione). Alla fine di questo processo il corpo diventerà merce, la quale sarà sempre più spesso esposta alla vendita. Il resto verrà da sé, se ci sarà domanda, si cambieranno prima la morale e poi le leggi, per favorire l'offerta.

Cenni sul concetto di possesso
È possibile possedere completamente il corpo di qualcuno?
Il possesso è un processo d'identificazione attraverso il quale cerchiamo di fonderci con l'altro, la sconfitta avviene quando realizziamo di non poterne condividere l'identità.
Più in generale, prima che il concetto di proprietà fosse inventato (forse per esorcizzare la caducità delle cose terrene) i corpi umani, imprevedibili e mortali, già ci ammonivano e davano segnali dell'impossibilità di essere posseduti per sempre. Se la storia ci avesse insegnato qualcosa, avremmo capito da tempo, che ogni tentativo in tale direzione è sempre stato fallimentare. I rapporti interpersonali non fanno eccezione, dopo l'esperienza della ricerca di possesso, se non ci si costringe a una convivenza sadomasochistica, segue l'abbandono, che è fatto di allontanamenti più o meno traumatici. Inizialmente, ci si allontana fisicamente dall'altro per cancellarlo dalla vista e dalla memoria, questo metodo però non funziona, perché soddisfa solo gli occhi. L'esorcismo iniziale può concludersi anche con un tentativo di distruzione dell'altro attraverso la violenza, lo scopo questa volta è eliminarlo dal mondo, nella speranza di rimuovere con esso, la vergogna che ci ha procurato.
La nostra tracotanza più un senso di sconfitta inaccettabile, finiranno per farci ripetere l'esperienza della ricerca di possesso dell'altro per tutta la vita, nella speranza di dargli un finale diverso.
Questo esercizio non ha mai dato buoni frutti (la farsa sociale del contratto matrimoniale non è che una delle prove tangibili che abbiamo tutti i giorni sotto gli occhi) perché possedere i corpi contrattualmente significa vincolarli, cioè dargli delle connotazioni oggettuali (reificazione).

Il corpo nell'oggi capitalistico
Là fuori i demoni sono sempre in agguato, la società dei vecchi è piena di corpi giovani e tentatori,
ma come cambia il significato della parola possesso nell'era del capitalismo realizzato? Sopra il godimento personale c'è un unica legge, il profitto, che è più importante perché da questo si genera godimento, queste due istanze sono cioè intimamente connesse.
Nel mondo del lavoro di ieri, nessun imprenditore che fosse stato in grado di esercitare potere sui corpi giovani, li avrebbe distrutti prima di averli sfruttati fino a deteriorarli completamente, perché questo non avrebbe massimizzato il guadagno. Grazie alla crescita demografica e alla disoccupazione dilagante, l'offerta di corpi giovani è enormemente aumentata, l'imprenditore più spregiudicato, può quindi permettersi di sostituire corpi giovani con corpi giovani, per puro e semplice capriccio.

Il corpo che non vuole morire
Nella società degli antibiotici e dei conservanti non si muore più, ma s'invecchia ancora. Il corpo giovane però è sempre li, a ricordare costantemente ai vecchi che il passato è fuggito via. Le persone anziane che possono permettersi di provare una rincorsa vana all'indietro nel tempo, sono di solito – oltre che molto ingenue – anche le più facoltose.

Il corpo come strumento di successo
Come ulteriore stortura, tra gli adulti, sono considerati positivamente gli individui giovani che realizzano grande profitto dall'abuso subito o autoinflitto. Tra questi, ci sono i super lavoratori volontari, delle prostitute che si arrampicano con ogni mezzo, bruciando sull'altare del dio denaro, qualsiasi barlume di etica legata al lavoro e dignità umana.
Consideriamo però che per gli adulti, il giovane che è comunemente ritenuto il più avveduto, è quello che riesce a farsi abusare di meno, arrivando il più velocemente possibile in cima alla piramide sociale, non c'è da stupirsi, perché ai figli del capitalismo si insegna la disciplina del cercare di ottenere il massimo del profitto col minimo sforzo. Un esempio? La mamma che manda la figlia minorenne a una festa privata a casa di politici settantenni, la cui dubbia moralità è già un fatto di cronaca.
Dato che la concorrenza in queste forme di prostituzione sociale è molta, non possono vincere tutti. I migliori sono in genere quelli più spietati e impietosi, con il proprio corpo e quello degli altri (ad es. la giovane prostituta che coordina le giovani prostitute). L'interesse e il desiderio costante per il raggiungimento di uno status sociale superiore, sono mantenuti alti con lo stesso principio delle lotterie: ogni tanto si fa vincere qualcuno, così tutti continuano a giocare (dispositivo sociale ben propagandato da programmi televisivi come "il grande fratello" o  "l'isola dei famosi").

“ Tu non crederai quanto ha dovuto pagare mia sorella, per farsi strada alla scuola di prostituzione. ”
Andy Breckman

Il corpo della donna
Il corpo della giovane donna è il più abusato di tutti, quello femminile è il corpo che subisce la reificazione peggiore. In una società ancora largamente eterosessuale, i vecchi uomini esorcizzano la loro senilità possedendo giovani donne, il vecchio che riesce a procurarsi più corpi giovani da sfruttare è, ancora una volta, il più facoltoso, ed egli di solito è anche quello che può permettersi la chirurgia estetica, le droghe e i medicinali per migliorare le prestazioni sessuali. Questi espedienti servono a farlo sentire attivo, quindi giovane tra i giovani.
Altri ambienti non sono comunque esenti dallo sfruttamento e dall'abuso, nella moda ad esempio, standard estetici allucinanti vengono imposti da stilisti gay, i quali obbligano il corpo (che vorrebbero ma non possono avere, se non artificialmente) a mortificarsi e a volte immolarsi, sull'altare di un estetica anoressica e distorta.

Conclusioni
Non ci sono eccezioni, nella società capitalistica odierna anche l'orientamento sessuale è subordinato alla volontà di possesso, la quale si esplicita attraverso il denaro, ma si realizza principalmente attraverso il dominio del corpo altrui. Se chi è subordinato non fa quello che gli si impone, lo si umilia e poi licenzia, determinandone l'esclusione dalla vita sociale. Quando invece il corpo si piega al volere di chi lo controlla, viene sottomesso alla deprivazione come standard. Tutto questo ne determina l'imbruttimento e in alcuni casi la vera e propria distruzione fisica.


*Il Qatar è lo stato più ricco del mondo, i lavoratori edili che arrivano dalle zone più povere dell'Asia stanno costruendo gli edifici per i mondiali di calcio 2022. II ritmo dei morti sul lavoro è di uno al giorno. Questi lavoratori sono costretti a lavorare molte ore, da capi cantiere che gli sparano acqua con gli idranti a 70 gradi e gli confiscano lo stipendio per non farli scappare.
I deceduti sono quasi tutti giovani e robusti, ma la maggior parte delle morti accertate, avviene per arresto cardiaco.
(fonte Rai NEWS)



Finito di scrivere 2 Dicembre 2013
Revisione: Francesca Sanna




Young body in the gerontocratic age

Assuming that today young bodies are placed in a context where the job doesn't produces happiness or well-being anywhere, we can argue that a body compelled by force to stand still (unemployment) as well as the one forced to act (unworthy working conditions*) is an abused body.

The corpus delicti
The world is ruled by an oligarchy of old people who historically have always abused (and they want to continue to do so) young bodies. Body abusing and job are grown together, in a reality that is becoming today more and more blurred.
The young body is the firstling of the capitalist world, a real first fruits, but buy a body directly in stores or on the internet is still considered (almost everywhere) unbecoming. The strategy to free the market of bodies, is to impoverish them physically (with lack of income) and culturally (with the lack of education). At the end of that process the bodies will become commodity, and they will be more often exposed to sale. What happen next goes without saying, if there will be demand, we will change first morality and then the laws, to promote the offer.

Note on the concept of ownership
Is it possible to completely possess someone's body?
Possession is an identification process through which we seek to merge with each other, we are defeated when we realize that we can not share identity.
More generally, before the concept of ownership was invented (perhaps to exorcise the transience of earthly things) the unpredictable and deadly human bodies, warned us by giving the signals of their inability to be owned forever. If we did learn something from history, we would have understood long time ago, that any attempt in that direction has always been a failure. Interpersonal relationships are no exception, after the experience of possessiveness, we begin to force ourselves in a sadomasochistic coexistence, then we leave each other, we stay away form each other, breaking up could be more or less traumatic. At first, we move away from the other to clear eyes and memory, but it doesn't work, because it satisfy only the eyes. The initial exorcism can end with an attempt to destroy the other person with violence, the aim is to erase him/her from the world, hoping to remove with the body, the shame.
We are arrogant and the defeating sensation is unacceptable for us, we will eventually repeat the experience of looking for possession during life, our hope is to experience a different ending.
This exercise has never been successful (the farce of the social contract of marriage is one of the evidence that we see every day) because possessing the bodies contractually, means reification.


The body in the capitalist world
Outside there are the demons, the old people's society is full of young and tempting bodies, but how  the meaning of word possession is changed? Above the personal enjoyment there is a single law, the profit, which is more important because the enjoyment is generated by the profit, and these two instances are intimately related.
In the old world of work, no business owner who exercised power over young bodies would destroy them. The business owner use to exploit the workers' bodies up to completely damaged them, because only that, maximized the profit. Due to population growth and rampant unemployment, the supply of young bodies is now greatly increased, so the more unscrupulous businessman, can afford to replace young bodies with other young bodies, for his sheer whim.


The body that will not die
In the society of antibiotics and preservatives our life is too long, but we still get older. The young body is still there, constantly reminding to older people that the past has fled away, and the older people who can afford a vain pursuit of life backward in time, are usually - as well as very naive - the wealthiest.


The body used for success
To win the rise to power, adults consider positively young people who make big profit suffering form self inflicted abuse. Among these, there are the super volunteer workers, prostitutes that climb by any means. They burn on the altar of money, any glimmer of ethics related to job and human dignity.
We have also to consider that for adults, the young man/woman who is commonly considered more shrewd, is the one that manage to suffer less, coming on top of the social pyramid as fast as possible. We do not wonder, because capitalist system taught to the children the discipline of trying to get the maximum profit with minimal effort. An example? The mother who sends her underage daughter to a private party between seventy years old politicians, whose dubious morality is already a true story.
These forms of social prostitution for young people are very competitive, so there are only a few winners. The best climbers among young people are usually the ones most ruthless and merciless, with their and others bodies (eg. The young prostitute who coordinates the young prostitutes).
Interest and constant desire for the achievement of a higher social status, are kept high by the same principle of the lottery: sometimes someone wins, so everyone keeps playing (social device well-touted by TV shows like "Big Brother" or "Celebrity Survivors").

"You would not believe how my sister paid her way through school prostitution. "
Andy Breckman

The woman's body
The body of the young woman is the most abused of all, the female body is undergoing the worst reification. In a society still largely heterosexual, old men exorcise their senility, possessing young women. The same old man who manages to get pleasure from many young bodies is still the wealthy one, and he is usually also the one who can afford surgery aesthetic, drugs and medicines to improve his sexual performance. These expedients serve to make him feel active, he wants to be young among the young people.
Other rooms are not exempt from abuse and exploitation of bodies, such as the hallucinating standards that gay designers require to young bodies in the fashion world, they forces the body (that they would like but can not have, if not artificially) to mortify and sometimes sacrifice themselves on the altar of anorexic and distorted aesthetics.

Conclusions
There are no exceptions in today's capitalist society, even the sexual orientation it's subjected to the will of possession, which is driven by money, but is implemented mainly through the domain of other's people body. If the subordinate doesn't obey the orders, he will be humiliated and fired, as a result of that, he will be excluded from society. But even if he bends it's not enough, in the labour market everyone is subjected to deprivation as a standard, and that is determining the deterioration and in some cases the actual physical destruction of the bodies.


* Qatar is the richest country in the world, the construction workers who come from the poorest areas of Asia are constructing buildings for the World Cup 2022. The deaths of people at work is one a day. These workers are forced to work long hours, and foreman shoot them with water cannons (70 degrees) and confiscate their salary to keep them from escaping.
The deceased are almost young and healthy people, but most of them died of cardiac arrest.
(Source RAI NEWS )


Posted December 2, 2013
Revision: Francesca Sanna








Nessun commento:

Posta un commento